Home » Servizi AQM » Laboratori di Prova e Analisi » Controlli non Distruttivi » Esami con Liquidi Penetranti – Laboratorio Prove Non Distruttive

LABORATORI DI PROVA E ANALISI

Esami con Liquidi Penetranti

Gli esami con Liquidi Penetranti sono adatti a rilevare difetti affioranti di qualunque tipo, a condizione che siano comunicanti con la superficie.

Esami con Liquidi Penetranti

Esami con Liquidi Penetranti

Principio del metodo

Gli Esami con Liquidi Penetranti si basano sul fenomeno della capillarità, ossia la tendenza di un liquido a risalire all’interno di un tubo capillare e su caratteristiche fisiche dei liquidi quali la viscosità e la tensione superficiale. Il potere penetrante è una caratteristica molto importante dalla quale dipende in larga parte la sensibilità dell’esame.

Metodo Adatto a Rilevare Difetti Affioranti

Metodo Adatto a Rilevare Difetti Affioranti

Esami con Liquidi Penetranti

Applicazioni

Gli Esami con Liquidi Penetranti sono adatti a rilevare difetti affioranti di qualunque tipo, a condizione che siano comunicanti con la superficie. Possono essere rilevati difetti in fusioni come giunzioni fredde, cricche da ritiro, etc. , in saldatura come porosità, cricche a caldo, cricche a freddo etc. , di fabbricazione come cricche di tempra, filature, sdoppiature di laminazione, etc. , e di servizio come cricche di fatica, di tensocorrosione, etc. Il metodo non è vincolato al tipo di materiale od alla sua struttura; il materiale tuttavia non deve essere poroso, come certi materiali ceramici. Possono essere controllati: acciaio, alluminio, materiali compositi, ghisa, etc…

Prodotti da Utilizzare in Funzione della Sensibilità di Controllo Desiderata

I Prodotti da Utilizzare sono scelti in Funzione della Sensibilità di Controllo Desiderata

Esami con Liquidi Penetranti

Tecniche d’esame

Vi sono diverse tecniche di esame a seconda del tipo di penetrante utilizzato, dell’oggetto da controllare e del numero di pezzi. Ogni tecnica d’esame ha un suo campo di applicazione particolare, anche se le fasi principali del metodo prevedono sempre: applicazione del penetrante sulla superficie da controllare, rimozione del penetrante in eccesso, applicazione del rilevatore. I prodotti da utilizzare sono scelti in funzione della rugosità della superficie del pezzo e della sensibilità di controllo desiderata.

Applicabilità

Il metodo Liquidi non Penetranti è utilizzabile qualora sussistano le seguenti condizioni:

  • zone facilmente accessibili;
  • il campo di temperatura delle superfici ispezionate è compreso tra 10° e 52° (esistono comunque prodotti specifici per alte temperature);
  • rugosità superficiale adeguata.

Informazioni

Per consentire al Laboratorio Prove non Distruttive di AQM (accreditato Accredia) di poter sviluppare un’offerta adeguata alle necessità del cliente, è opportuno verificare alcune informazioni utili, quali:

  • tipo di prodotto da controllare
  • geometrie del pezzo
  • accessibilità e ubicazione
  • stato superficiale
  • quantitativo da controllare, o sviluppo nel caso di giunti saldati
  • controllo da eseguire in sede o presso il cliente
  • metodologia di controllo se definita
  • specifica di controllo se definita
  • accettabilità se definita

Richiesta Informazioni

Trattamento dei Dati Indentificativi *

Trattamento dei Dati Particolari

3 + 7 =

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sulla Privacy
Acconsento al Trattamento dei Dati Identificativi. Per maggiori informazioni leggi la nostra Informativa Privacy.

Follow Us

Esami con Liquidi Penetranti

Iscriviti alla NostraNewsletter

Inserisci i tuoi dati per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di AQM.

Settore

Trattamento dei Dati

Grazie di esserti iscritto, controlla la tua email per il messaggio di conferma.

Pin It on Pinterest

Share This