Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) - gli obblighi di legge e loro integrazione nel sistema di gestione

La filiera dei materiali e oggetti a contatto con alimenti (materiali plastici, granuli o colle, vernici, coils, acciaio, banda stagnata, legno, vetro., ecc.) destinati ad imballaggi, pentole, utensili, stoviglie, macchine industriali, ecc. ha acquisito nel tempo un profilo legislativo decisamente complesso. Per rendere un oggetto idoneo al contatto con gli alimenti e, quindi sicuro per il consumatore, sono state emanate da oltre 10 anni diverse disposizioni di legge a livello di Unione Europea ma anche importanti leggi nazionali correlate alla necessità di assicurare un’adeguata “sicurezza del prodotto”.

I MOCA (Materiale e oggetti a contatto con gli alimenti) devono quindi confrontarsi con le normative nazionali, europee e mondiali di riferimento, in continua evoluzione, che vogliono garantire un monitoraggio adeguato a misure coerenti “dalla fattoria alla tavola”

Il principio del Regolamento Europeo 1935/04/CE (direttamente applicabile negli stati membri, senza necessità di recepimento)  è che i materiali o gli oggetti destinati a venire a contatto, direttamente o indirettamente, con i prodotti alimentari devono essere sufficientemente inerti da escludere il trasferimento di sostanze agli alimenti in quantità tali da mettere in pericolo la salute umana. Ciò presuppone possano essere utilizzati solo materiali inseriti in apposite liste su cui debbano essere eseguiti periodicamente test di migrazione al fine di garantire la mancata contaminazione dell’alimento posto a contatto.

Una adeguata etichettatura dovrebbe permettere anche al consumatore finale di poter valutare la conformità del prodotto, mentre la dichiarazione di conformità emessa sotto la responsabilità del produttore, sostenuta da opportuna documentazione probante, deve essere a disposizione delle autorità richiedenti in caso di controllo e presuppone la responsabilità a catena lungo tutta la filiera.

E’ evidente che debba essere tenuto sotto controllo il processo, tramite l’adozione di Buone Pratiche di Produzione - GMP (Good Manufacturing Practice) secondo il regolamento 2023/06/CE, che garantiscano un corretto sistema di tracciabilità dei materiali e una adeguata valutazione dei rischi tramite un opportuno sistema di assicurazione qualità documentato, monitorato  ed efficace,  in modo  da garantire la conformità del  prodotto.

Il Regolamento 2023 non obbliga all’adozione della ISO 9001, ma, poiché molte aziende già hanno un sistema di gestione certificato, è importante verificare come integrare i requisiti del 2023/06/CE con quella della nuova edizione della ISO 9001:2015 affinchè tramite un monitoraggio costante ed una gestione unica delle registrazioni e della documentazione prevista, possa essere ottimizzato il processo e garantita l’adeguatezza ed il continuo aggiornamento del sistema.

Una integrazione delle GMP nel sistema di gestione porta sicuramente benefici in termini di minor costo, di gestione del rischio e di consapevolezza aziendale diffusa .

Di particolare importanza la figura obbligatoria del “business operator”, che deve essere opportunamente formata in tutte le aziende che producono, ma anche che distribuiscono o importano articoli destinati al contatto con alimenti.

I SERVIZI AQM:

FORMAZIONE

  • per Idoneità alimentare dei materiali a contatto con gli Alimenti: adempimenti e procedure secondo gli standard di riferimento
  • sulle caratteristiche e test dei materiali
  • (acciaio e alluminio)
  • sulle dichiarazioni di conformità
  • sulle buone pratiche di fabbricazione (GMP) integrate in un sistema di gestione qualità ISO 9001:2015

CONSULENZA - ASSISTENZA

  • per l’elaborazione delle dichiarazioni di conformità e della documentazione a supporto
  • per l’elaborazione delle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (GMP) e loro integrazione in un sistema di gestione qualità ISO 9001:2015 (Regolamento 2023/2006/CE)
  • per la verifica documentale e AUDIT produttore e fornitori
  • per la gestione delle non conformità e per il miglioramento del prodotto e del processo
  • per la gestione della conformità al contatto con alimenti e per l’apposizione della marcatura CE sui macchinari e attrezzature
  • risk assesment
  • per la stesura di manuali di autocontrollo (HACCP)

ANALISI E TEST DI CONFORMITA’
(Regolamento quadro - Reg. (CE) 1935/2004)

  • verifica idoneità al contatto con gli alimenti secondo normative nazionali ed intenazionali
  • determinazione di migrazione globale e migrazione specifica del cromo trivalente, nichel manganese in simulanti alimentari
  • designazione AISI per l’acciaio e valutazione appartenenza alle liste positive autorizzate
  • composizione della lega di alluminio
  • failure analysis
  • analisi e prove di caratterizzazione e qualificazione

PROVE IN WITNESS (qualificata CSA)
AQM, già laboratorio di prova e taratura operante secondo ISO/IEC 17025:2005, è stata qualificata dal CSA Group come centro prove per l’esecuzione dei seguenti test in modalità WMTC (Witnessed Manufacturer’s Testing fo Certification program):

  • prove meccaniche secondo ASME A112.18.1/CSA B125.1 e ASME a 112.18.2/CSA B125.2 su prodotti plumbing tra i quali rubinetteria sanitaria, valvolame, scarichi, raccorderia e prodotti affini
  • analisi tossicologiche secondo NSF/ANSI 61 (Section 4, 8 and 9 per determinazione del rilasccio di metalli e altri contaminati inorganici)
  • analisi chimiche secondo NSF/ANSI 372 per determinazione del contenuto di piombo in accordo ai requisiti low lead.

I CORSI DI AQM:

Le GMP nell'ambito di un sistema di qualità efficace per la produzione di MOCA (8 ore)
Il Reg. 1935/2004/CE prevede che i materiali ed oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) siano prodotti in conformità alle buone pratiche di fabbricazione (GMP) in modo tale da non costituire un pericolo per la salute umana e da non comportare una modifica inaccettabile della composizione dell’alimento o un deterioramento delle sue caratteristiche organolettiche.
Il regolamento 2023/06/CE e messo in applicazione al 1935/04/CE specifica le modalità per garantire tale adempimento. L’obbiettivo del corso è quello di dare a tutte le aziende indipendentemente dalla loro complessità e dimensione uno strumento utile per otemperare agli obblighi di legge integrandoli nel nuovo sistema di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001: 2015.

I MOCA e la gestione delle Forniture,delle AC e AP (4 ore)
Il Corso tratterà tutti gli aspetti rilevanti per l'attuazione e il miglioramento di un sistema completo e integrato di Qualifica dei Fornitori in grado di soddisfare i requisiti normativi delle Good Manufacturing Practices- buone pratiche di fabbricazione (GMP).

Gli audit interni nell'ambito della produzione di MOCA (4 ore)
Il Reg. 1935/2004 prevede che i materiali ed oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) siano tali da non costituire un pericolo per la salute umana e da non comportare una modifica inaccettabile della composizione dell’alimento o un deterioramento delle sue caratteristiche organolettiche.

FOOD CONTACT: Reg 1935/04 Dichiarazione di Conformità dal Produttore al Consumatore (4 ore)

  • Conoscenza del Regolamento 1935/04/CE: Regolamento Quadro sui materiali a contatto con gli alimenti
  • Conoscenza del Regolamento 2023/06/CE: Buone pratiche di fabbricazione
  • Conoscenza dell' Operatore Economico, figura professionale disciplinata dall’Art 2 del Reg. 1935/04
  • Padronanza nella redazione della Dichiarazione di Conformità
  • Formazione/Orientamento in merito alla richiesta della documentazione di supporto alla Dichiarazione di Conformità report di Laboratorio)

La Gestione della Rintracciabilità in ambito MOCA (4 ore)
I Reg. Ce 178/2002 Art. 18 e il Reg. Ce 1935/2004 Art. 17 sanciscono la rintracciabilità quale requisito fondamentale per la gestione di situazioni di rischio attraverso il sistema di Allerta che deve essere dimostrabile all’atto del controllo ufficiale.
Reg. CE 178/2002: Possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento, di un mangime, di un animale destinato alla produzione alimentare o di una sostanza destinata o atta a entrare a far parte di un alimento o di un mangime in tutte le fasi

  • Della produzione
  • Della trasformazione
  • Della distribuzione

Per maggiori informazioni contattare:

Valentina Lombardi - 030 9291784 - valentinalombardi@aqm.it

Valentina Viola - 030 9291781 valentinaviola@aqm.it